È  INIZIATO IL PERCORSO Di BOLINA …..VERBALE ASSEMBLEA CONSORTILE DEL 10/12/2016

Questa assemblea assume grande importanza perché attesta finalmente l’inizio di una nuova fase per Montecampione e un punto di svolta particolarmente significativo in cui trovano concretezza tante speranze immaginate o sognate.

Siamo particolarmente felici perché lo sforzo profuso da tanti consorziati ha avuto un prodigioso esito positivo. Finalmente, e possiamo dirlo con grande soddisfazione, vengono azzerate tutte le perplessità, le disillusioni, le sterili polemiche che hanno sin qui caratterizzato il dibattito consortile.

Il CDA del Consorzio, pur in presenza di differenti opinioni e valutazioni tra i suoi componenti sull’esito dell’iniziativa, è sempre riuscito a portare a sintesi le sue decisioni e poi tutti le hanno assunte come proprie.

Riconosciamo, con piacere, di aver svolto un ruolo attivo e incisivo nel favorire una soluzione che prevedesse per Montecampione Ski Area, e così è stato, un coinvolgimento da un lato degli Enti Pubblici (BIM e Comuni) e dall’altro i privati (cordata societaria di Iorio e Ghidini, consorziati, commercianti, e un azionariato diffuso).

Questi ultimi tre anni sono stati particolarmente difficili e insidiosi, anche in considerazione delle continue cause promosse da quattro/cinque persone contro la stragrande maggioranza dei consorziati. Abbiamo contrastato e contrapposto, nelle sedi opportune, questa strategia distruttiva sempre in conformità e nello stretto rispetto di tutte le decisioni ratificate dalla libera volontà dei consorziati. A questo ci siamo attenuti, nulla di meno e nulla di più.

Tali premesse costituiscono anche un sintetico bilancio di questo CDA che è ormai in scadenza.

Siamo orgogliosi di lasciare ai prossimi Amministratori una eredità importante non solo per le opere svolte sul territorio, ma soprattutto per il risultato conseguito per gli impianti sciistici che anche noi abbiamo reso possibile. Inoltre,  e non è aspetto secondario, lasciamo come esempio, e vorremmo sottolinearlo, un diverso stile di comportamento nell’affrontare i problemi eludendo di rincorrere polemiche e offese ricevute. Siamo stati diversi e questa diversità è ormai diventata valore.

Nelle stessa riunione consultiva, con grande riscontro dei partecipanti, i soci di maggioranza di Montecampione Ski Area, Ghidini e Iorio, hanno presentato il loro staff e illustrato il nuovo Brand della società all’insegna di Montecampione per le quattro stagioni.

Il nuovo marchio registrato si compone di tre parti; MC come acronimo di Montecampione, le cui punte rappresentano le sue due principali altitudini di 1200 e 1800; il logotipo “Montecampione”; il pay off “since 1970” come anno di fondazione della località e in lingua inglese per sottolineare l’internazionalità del progetto.

Il marchio, con approvazione del titolare e se utilizzato su documentazione ufficiale di terze parti, dovrà essere affiancato dal suffisso che ne determina il rapporto commerciale, di partnership e/o di cessione per utilizzo temporaneo: Official Member, Official Supplier, Official Partner.

Per concludere ci piace qui richiamare il riferimento del consorziato Attilio Venturi che ha paragonato finalmente Montecampione, con efficace immagine, a un’imbarcazione che ha lasciato la calma piatta e sta veleggiando di bolina. Tale stato comporta un’accurata e attenta attività di squadra tra tutti i componenti dell’equipaggio.

Le tante opportunità aperte dovranno indurre tutte le parti in campo, secondo ruoli propri, ad attivarsi per un obiettivo unico e condiviso: arrivare alla meta. Per cogliere la sfida bisogna essere convinti, rapidi e decisi. Occorre essere squadra di contaminatori di ottimismo e di spinta innovativa.

Auguriamo a tutti serene feste natalizie.