Montecampione, 27/11/2015

Dobbiamo essere sinceri: sembra non contare più la correttezza degli argomenti trattati ma la forza falsa e denigratrice che vuole solo muovere passioni insane che ci costringe a replicare e sferrare un calcio contro il castello di ipocrisie costruite.
Il nostro non è un risveglio di orgoglio sopito, ma soltanto, se ancora fosse necessario, il ribadire che questo CDA farà sempre coincidere le sue decisioni con gli interessi di tutti noi consorziati. L’impegno, che richiede disciplina e coerenza, risiede anche nel silenzio e nel controllarsi senza farsi consumare dal desiderio, altrettanto insano, di azzannare; ma vi sono momenti in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo.
La convenzione che questo Cda intende prospettare ai Comuni, nasce da motivazioni note che già sono state pubblicate (vedi nostra del 2/11) e più volte espresse in assemblee consultive ed è ancora in fieri.
Non siamo quindi abituati a discutere sul nulla, ma pervicacemente seguire il principio, nelle azioni che assumiamo, di informare ad atti definiti.
Un caro abbraccio a tutti con un richiamo al buonsenso per chi ne ha bisogno.